La danza dei topi

Una piccola storia notturna.

L’originale in inglese si può trovare più sotto.

A tarda notte, sono l’unico in attesa che arrivi il treno ed entro nella piattaforma sotterranea vuota. Alcuni piccoli punti si allontanano sul pavimento luminoso e poi si nascondono all’interno di linee strette e sottili all’interno delle pareti. Come si adattano all’interno di queste linee? Mi chiedo. Dopo un suono basso ma penetrante. Questi piccoli punti mobili producono anche un po ‘di suono, in realtà hanno una voce. Ogni volta che mi avvicino a loro, scompaiono. Quindi, devo adattare il mio movimento in modo da potermi avvicinare. I miei passi ora diventano più morbidi e lenti. Riesco ad avvicinarmi ai punti di ballo e poi mi rendo conto che queste palline sono topi. Piccoli topolini. Sussurrando la canzone del treno che anticipa e la canzone dei bidoni della spazzatura, la canzone delle linee chiuse in cui si nascondono.

Comincio a parlare con loro, chiedendo quando arriverà il treno e dicendo loro che non mi piacerebbe camminare stasera, perché fuori fa freddo. Non daranno alcuna risposta, ma continueranno a muoversi sul pavimento, attaccando i sacchetti della spazzatura di plastica, ballando sui binari del treno e poi all’interno delle linee del muro.

Quanto tempo è passato, non lo so più. Ma potevo sentire il pavimento tremare, quindi mi sono reso conto che quello era il momento di andare avanti. Potevo vedere le luci rosse del treno e potevo sentire la forza del vento.

Questo è stato il momento in cui tutti i punti sono scomparsi ed ero di nuovo sola.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s